lunedì 3 luglio 2017

Bolla di sapone

Ho creduto che le persone dovessero comprendere il mio dolore, alcune volte l'ho anche preteso.
Speravo che coloro che dicevano di amarmi, vedessero il bagaglio di dolore che ero costretta a portarmi dietro.
Seduta su uno scoglio, con la musica del mare di sottofondo, piena solo di me ho riflettuto.
Il dolore a cui mi riferisco, difficilmente l'ho tirato fuori. Lo custodivo in un angolo della mia anima dove c'era freddo e speravo che gli amici capissero i miei momenti bui, di angoscia, senza che io spiegassi loro ciò che provavo.
Con qualche schizzo d'acqua salata che alleviava il calore che si era impossessato del mio corpo, ho deciso di tirare fuori quella sofferenza e come una bolla di sapone, maneggiarla delicatamente da una mano all'altra per evitare di scoppiarla .
Contemplavo da quella trasparenza le mille sfaccettature colorate. Infine l'ho posizionata nella parte gelida della mia anima per conservarla intatta.
Ogni volta che verrò afflitta da quella tristezza immaginerò di trovarmi su questo scoglio e sola, ma piena di me tirerò fuori la bolla di sapone, avendo cura di non mostrarla a nessuno.
Quel dolore è solo mio.